Tavo Burat

Dae Wikipedia, s'entziclopedia lìbera.

Ozieri-Stemma.png
Articulu in logudoresu
Ozieri-Stemma.png

Tavo Burat (Stezzano, 22 de maiu 1932Biella, 8 de nadale 2009[1][2]) est istadu unu giornalista italianu, espertu de Piemonte e limba piemontese.[3].

Tavo Burat

Bibliografia[modìfica | edit source]

Limba italiana[modìfica | edit source]

  • 1957: Diritto pubblico nel Cantone dei Grigioni
  • 1974: La situazione giuridica delle minoranze linguistiche in Italia, dins I diritti delle minoranze etnico-linguistiche
  • 1976: In difesa degli altri, dins U. Bernardi, Le mille culture, Comunità locali e partecipazione politica
  • 1981: Decolonizzare le Alpi, dins Prospettive dell’arco alpino
  • 1989: Carlo Antonio Gastaldi. Un operaio biellese brigante dei Borboni
  • 1997: Federalismo e autonomie. Comunità e bioregioni
  • 2000: Fra Dolcino e gli Apostolici tra eresia, rivolta e roghi[4]
  • 2002: L'anarchia cristiana di Fra Dolcino e Margherita (Ed. Leone & Griffa)
  • 2004: Eretici dimenticati. Dal Medioevo alla modernità (Ed. DeriveApprodi)
  • 2006: Banditi e ribelli dimenticati. Storie di irriducibili al futuro che viene (Ed. Lampi di Stampa)

Limba piemontesa[modìfica | edit source]

  • 1979: Finagi (Ca dë studi piemontèis)
  • 2005: Lassomse nen tajé la lenga (ALP)
  • 2008: Poesìe (Ca dë studi piemontèis)

Note[modìfica | edit source]

  1. È morto Tavo Burat
  2. È morto Tavo Burat. Che la terra ti sia lieve Gustavo
  3. A cosa “servono” le lingue locali? Parole profonde di Tavo Burat
  4. Centro Studi Fra Dolcino