Adriano Olivetti

Dae Wikipedia, s'entziclopedia lìbera.
Jump to navigation Jump to search

Ozieri-Stemma.png
Articulu in logudoresu
Ozieri-Stemma.png

Adriano Olivetti, 1925
Macchina de iscriere. Lettera 22 de sa Olivetti

Adriano Olivetti (Ivrea, 11 de abrile 1901Milano, 27 frealzu 1960) est istadu unu imprendidore italianu. Issu fit connottu in tottu su mundu comente unu produttore de macchinas de iscriere, calcolatrices e computers.

Biografia[modìfica | modìfica su còdighe de orìgine]

Naskidu dae babbu ebreu Camillo, dae mama valdesa Luisa. In su 1924 si fit laureadu comente inzenieri chimicu e, fit istadu in sos Istados Unidos pro si aggiornare subra sas pratigas de organitzazione aziendale. In su 1926 aiat cominzadu a trabagliare comente operaiu in sa fabriga de su babbu e in su 1933 fit diventadu su direttore de sa Società Olivetti e in su '38 presidente. Antifascista militante ( cun Carlo Rosselli, Ferruccio Parri, Sandro Pertini e ateros aiat partizipadu a sa liberazione de Filippo Turati). In sos annos de sa gherra, ca fit ricercadu pro attividade sovversiva, si fit rifugiadu in Isvìtzera, pro rientrare in Italia poi de sa gherra e riprende' sas attividades de s'azienda sua.

Adriano Olivetti aiat coinvoltu e ingarrigadu tantas bias sos artistas sardos Costantino Nivola e Giovanni Pintori e po s'asienda sua aiat trabagliadu finas s'artista tattaresu Eugenio Tavolara.

Iscrittos suos[modìfica | modìfica su còdighe de orìgine]

  • Adriano Olivetti, L’ordine politico delle Comunità. Le garanzie di libertà in uno Stato socialista, Ivrea, Nuove Edizioni Ivrea, 1945.
  • Adriano Olivetti, L’ordine politico delle Comunità dello Stato secondo le leggi dello spirito, Roma, Edizioni di Comunità, 1946.
  • Adriano Olivetti, Società, Stato, Comunità. Per una economia e politica comunitaria, Milano, Edizioni di Comunità, 1952.
  • Adriano Olivetti, Città dell’uomo, Milano, Edizioni di Comunità, 1959.
  • Adriano Olivetti, L’ordine politico delle Comunità. Le garanzie di libertà in uno stato socialista, a cura di Renzo Zorzi, Milano, Edizioni di Comunità, 1970.

Bibliografìa[modìfica | modìfica su còdighe de orìgine]

  • Paolo Bricco, L'Olivetti dell'Ingegnere, Il Mulino, Bologna, 2014
  • Ochetto Valerio, Adriano Olivetti, Venezia, 2009.
  • Beniamino de' Liguori Carino, Adriano Olivetti e le Edizioni di Comunità (1946-1960), Roma, Quaderni della Fondazione Adriano Olivetti, 2008.
  • Davide Cadeddu, Il valore della politica in Adriano Olivetti, Roma, Quaderni della Fondazione Adriano Olivetti, 2007.
  • Davide Cadeddu, La riforma politica e sociale di Adriano Olivetti (1942-1945), Roma, Quaderni della Fondazione Adriano Olivetti, 2006.
  • AA.VV., Uomini e lavoro alla Olivetti, Milano, Bruno Mondadori, 2005.
  • Bruno Caizzi, Gli Olivetti, Torino, UTET, 1962.
  • Giuseppe Berta, Le idee al potere: Adriano Olivetti tra la fabbrica e la comunità, Milano, Edizioni di Comunità, 1980.
  • Geno Pampaloni, Adriano Olivetti: un'idea di democrazia, Milano, Edizioni di Comunità, 1980.
  • Umberto Serafini, Adriano Olivetti e il Movimento Comunità: una anticipazione scomoda, un discorso aperto, Roma, Officina, 1982.
  • Valerio Ochetto, Adriano Olivetti, Milano, Mondadori, 1985.
  • Valerio Castronovo, Grandi e piccoli borghesi: la via italiana al capitalismo, Roma-Bari, Laterza, 1988.
  • Giulio Sapelli, Roberto Chiarini, Fini e fine della politica. La sfida di Adriano Olivetti, introduzione di Luciano Gallino, Milano, Edizioni di Comunità, 1990
  • Giorgio Soavi, Adriano Olivetti: una sorpresa italiana, Milano, Rizzoli, 2001.
  • Luciano Gallino L'impresa responsabile. Un'intervista su Adriano Olivetti, Torino, Edizioni di Comunità, 2001.
  • Chiara Ricciardelli, Olivetti. Una storia, un sogno ancora da scrivere, Milano, Franco Angeli, 2001.


Agganzos esternos[modìfica | modìfica su còdighe de orìgine]

Fondazione Adriano Olivetti