Walter Tobagi

Dae Wikipedia, s'entziclopedia lìbera.
Jump to navigation Jump to search

Ozieri-Stemma.png
Articulu in logudoresu
Ozieri-Stemma.png

(IT)
« L'Italia repubblicana non ha fatto, sotto i colpi del terrorismo, la stessa fine dell'Italia liberale sotto i colpi dello squadrismo. I politici, i sindacalisti, i magistrati, i poliziotti ed i carabinieri, i giornalisti, e le grandi masse del paese, hanno imparato qualche cosa dall'amara esperienza del primo dopoguerra. Se hanno saputo difendere la repubblica, lo si deve anche ad uomini come Tobagi ed al loro sacrificio. Buono, generoso quale era, se fosse rimasto in vita, Tobagi non se ne vanterebbe. Ma noi gli dobbiamo sempre un accorato omaggio »
(SC)
« S'Italia repubblicana, sutta a sos colpos de su terrorismu, non at fattu sa matessi fine de s'Italia liberale sutta sos colpos de s'isquadrismu. Sos politicos, sos sindacalistas, sos magistrados, sos poliziottos e i sos carabineris, sos giornalistas, e sa populatzione, ana imparadu calchi cosa dae sa tragica isperientzia de su primu dopoguerra. Si ana ischidu difende' sa repubblica, si devet finas a omines comente Tobagi e a su sacrifiziu issoro. Bonu, generosu comente fidi, si fit restadu in bida, Tobagi non si nde fit istadu antadu. Pero nois li devimus sempre unu sinzeru omaggiu »
(peraulas de Leo Valiani[1])

Walter Tobagi (Spoleto, 18 de martu 1947Milano, 28 de maiu 1980) est istadu unu giornalista italianu.

Aiat collaboradu comente e redattore in sos giornales de Avanti, Avvenire e Corriere della Sera, est istadu mortu dae unu commando de terroristas de sa ''Brigata 28 marzo''.

Notas[modìfica | modìfica su còdighe de orìgine]

  1. Leo Valiani, "Perché lui?", in Testimone scomodo. Walter Tobagi - Scritti scelti 1975-80, cit.